Insediamento centrale Luminosa a Ponte Valentino. Mastella, Di Maria e Barone ribadiscono la loro contrarietà In primo piano

La nostra posizione di contrarietà all’insediamento della centrale Luminosa è chiara, netta, decisa e ufficialmente comunicata al ministero della Transizione Ecologica”. Così il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, il presidente della Provincia, Antonio Di Maria, e il presidente dell’Asi sannita, Luigi Barone.

“Per quanto ci riguarda questo insediamento contrasta con la vocazione agro-alimentare dell’agglomerato di Ponte Valentino che, per quanto di nostra competenza, difenderemo in ogni sede”, proseguono primo cittadino di Benevento, presidente della Provincia e numero uno dell’Asi che aggiungono: “La storia di Luminosa ha origini lontane, ovvero dal 2002 quando l’allora comitato direttivo dell’Asi diede il via libera all’opzione di un suolo per la realizzazione della centrale. Poi si sono succedute diverse questioni con alterni governi che hanno proseguito nell’iter autorizzativo della centrale. Da ultimo ad affrontare la questione è stato il ministero dello Sviluppo Economico che a luglio 2020, guidato dal grillino Patuanelli, ha autorizzato la proroga di avvio lavori”.

Per Mastella, Di Maria e Barone, infine, “la posizione delle istituzioni locali non può essere ignorata dal governo nazionale che invece sembra procedere spedito verso altre direzioni. Le nostre osservazioni vanno considerate e attentamente valutate, se qualcuno dovesse immaginare colpi di mano siamo pronti a ricorrere in tutte le sedi”.