Maleducazione, mancanza di valori e vuoto esistenziale... Sette ''bulletti'' distruggono auto di proprietà del Comune di Benevento In primo piano

Nel tardo pomeriggio di ieri gli uomini della polizia municipale di Benevento diretti dal tenente Francesco Del Gaudio, unitamente ai marescialli Sergio Fusco e Giovanni Luca Ciampi, hanno sorpreso sette ragazzi all’interno dei locali del megaparcheggio di via del Pomerio intenti a danneggiare un’autovettura facente parte del patrimonio del Comune di Benevento.

I sette ragazzi sono stati accompagnati negli uffici del Comando per essere identificati. A seguito dell’identificazione sono risultati imputabili un maggiorenne CF.C. di anni 18 e quattro minorenni A.P. di anni 15, A.F. di anni 15, S.G. di anni 14 e F.F. di anni 14, mentre altri due ragazzi minori di anni 14 sono risultati essere non imputabili. Dopo aver informato il magistrato della Procura del Tribunale per i Minorenni di Napoli, Francesco Cerullo, i ragazzi sono stati rilasciati e i minorenni sono stati affidati ai rispettivi genitori.

Per i cinque ragazzi imputabili è scattata la denuncia penale per invasione di edificio pubblico e danneggiamento.

Voglio approfittare di questo episodio - dichiara il comandante della municipale Fioravante Bosco - per ricordare ai genitori di tutti i ragazzi che nei fine settimana sono soliti commettere azioni contro il patrimonio pubblico o lasciarsi andare a comportamenti fortemente censurabili, che di queste condotte ne rispondono gli stessi genitori, i quali devono farsi carico di capire cosa fanno i propri figli quando escono di casa. Insomma - continua Bosco - i genitori sono responsabili dei danni procurati dal figlio sia alle persone che alle cose. D’altro canto, i genitori devono fornire ai loro figli una corretta educazione, rispettosa delle regole giuridiche e sociali, rendendoli capaci di autogestirsi, nel rispetto di una convivenza civile con il prossimo”. 

Altre immagini