Stadio Vigorito, il Comune minaccia il distacco delle utenze. La società giallorossa replica: ''Prima definire crediti e debiti'' In primo piano

Che i rapporti tra il Comune di Benevento e il Benevento Calcio non fossero idilliaci (tanto per usare un eufemismo!) lo si era capito da tempo, ed infatti della nuova convenzione per l’uso dello Stadio oramai non se ne parla più, ma quello che si è verificato negli ultimi giorni è veramente incredibile.

Basta leggere quello che il dirigente Verdicchio ha scritto alla Società di via Santa Colomba: “Si comunica che in data 30 settembre 2019, senza ulteriori comunicazioni, si provvederà al distacco di tutte le utenze ancora a carico del Comune, se non si provvederà alla voltura in favore del Benevento Calcio”.

Parole chiare quelle del responsabile ufficio comunale, che renderebbero inutilizzabile lo Stadio, come si può facilmente comprendere.

La replica della Società? “Prima di procedere sono da definire crediti e debiti”.

Praticamente siamo alle solite, e proprio per questo non si riesce a definire ed a sottoscrivere la nuova convenzione e le parti continuano a discutere ed a polemizzare senza riuscire a trovare una intesa.

Che cosa potrebbe succedere se la minaccia del dirigente del Comune andasse in porto? Praticamente lo Stadio resterebbe chiuso per la gara del 19 ottobre, con il Benevento che sarebbe costretto ad… emigrare altrove. Uno scenario pericoloso, che penalizzerebbe non solo la città ma tutti i tifosi. E certamente la notizia farebbe il giro di tutta Italia.

A dire la verità dopo la missiva del dirigente c’è stata una presa di posizione del sindaco Mastella, il quale afferma che il dirigente ha solo chiesto la voltura delle utenze, senza alcuna diffida, ma ciò lascia il tempo che trova perché le parole del dirigente sono state abbastanza chiare.

Ed allora che fare? Mettersi al tavolo e cercare di risolvere una vicenda aperta da troppo tempo. Altre vie d’uscita non se ne vedono, mentre il tifo organizzato è già in allarme.

Intanto dopo che durante la festa dei 90 anni è stato quasi ignorato Carmelo Imbriani, come da tutti denunciato, ci hanno pensato i tifosi a ricordare l’ex capitano. La Curva Sud ha scoperto un bellissimo murales posto sulla facciata di un palazzo di via Massimo D’Azeglio, alla presenza di tantissimi tifosi festanti, dei familiari di Imbriani e di autorità.

E questa volta il Benevento Calcio non poteva assolutamente essere assente, ed infatti oltre a Vigorito c’erano l’allenatore Inzaghi ed un paio di giocatori, mentre erano assenti “vecchi” amici di Imbriani, come Molino, Di Nardo, Maschio, Massaro, Cagnale. Insomma, una nuova serata da ricordare, questa volta nel segno di Carmelo Imbriani.

GIPE