Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate, tuti si ano preso la pizzi cata co il sindaco Tale e Sandro siccome isso dice ca ci piace sentere il Duce quanno face i discorsi ca il popolo Taliano diceva annoi.

Inzomma Tale e Sandro nun sarria patrone di farsi i cazzi suoi accasa soia. Io penzo ca ognuno accasa soia patrone e si patrone pote fare i cazzi suoi.

Diverso il caso dela vita in soggiet. Quanno stai in soggiet tu ciai il dovere di fane coma face tutta la soggiet.

Cio tast. Quanno ce steva il Fascisto tuti doveva esse fascisto e il popolo si vesteva la cammisa nera e i nobbili si meteva puro li stivali. Ecco al tempo del Fascisto Tale e Sandro si avesse dovuto veste di cammisa nera e puro li stivali.

Nun songo sicuro si ci attoccava puro il fezzo.

Per siccome mo ce stace la dimo grazia tuto il popolo adda esse dimo gratico. Pe esse dimo gratico sadda esse anti fascisto. E inzomma Tale e Sandro adda esse dimo gratico e anti fascisto. Si nunn dimo gratico e anti fascisto Tale e Sandro non pote face il sindaco.

Chesta la recola.

Il putanesimo dele donne arrivato alpunto ca ce stanno dele cesse ca si metono affare le giornaliste e Tale e Sandro ci ricapitato di metersi a parlare co esse e esse lanno futtuto.

Ebbengist.

Tale e Sandro s scurdato di dire ca isso dimo gratico e anti fascisto sin nun putesse esse il sindaco e immece ghiuto dicenno ca tene certi dischi antichi la quale ci parla dinto propetamante Isso il Duce Musollino.

E quanno parla Isso il Duce Musellino isso il sindaco Tale e Sandro si comuove al punto ca vole sente unaltra vota. E alora pe non farsi rompucazzo dala mugliera isso si chiude nela stanza e avascia pure le perziane e nel silenzio e nel ombra isso saddecreia quanno il Duce allucca Popolo Taliano ai Francesi celo metiamo ingulo Popolo Taliano al Ingreso ce metiamo doie vote ingulo.

E Tale e Sandro ci crede.

Mo dico io att. Che male c si Tale e Sandro nela sua casa sente cheste parole? Tanto isso lussape ca nun dico ai frangesi ma mango ai sui Leati ci riesce a meterlo ingulo. Anzi Il Matino tuti i giorni scrive ca ce lo vulessero metere ingulo allui.

Tale e Sandro facesse una cosa malamente si tuti giorni si chiudesse nela stanza a sente sembre le stesse strunzate del Duce. Invece Tale e Sandro tuti i giorni face il sindaco di Benevento cola fascia attra colla e face discorsi e nisciuno sene fotte. Questo il prubblema.

Ci anno stato certi cumunisti ammiscati cu certi muccusielli ca diceno ca il 25 abbrile saddaf festa.

E cusissia. Alora

io dicesse a Tale e Sandro ma stucazzo di grammo fono pecch nulabbicci il Vinduno abbrile ca il Natale di Roma ca la vera festa del Duce ca nunn mai morto il Natale di Roma. Tu ti sienti i discorzi e meti puro il disco caf Sole che sorgi libbero eggio condo

Sul coddi roma i tuoi cape llid

Mai pi vetrai nisciuna cosa in monta Ma gioddi roma Ma gioddi roma.

E voglio ved i cumunisti che teneno da dice. Si fosse pemm ci cantasse puro Bantiera Rossa ca aggio saputo ca si sentono molto di fotere si Tale e Sandro pesfregio ci venesse immende di cantare Bantiera Rossa.

E mi vulesse proprio addrecriare al sentere Tale e Sandro ca cantasse Bantiera Rossa e i comunisti ca cantassero Giovinezza Giovinezza e tuto il popolo ca vatte le mane elloro ca si scummarzassero di sango.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

EMIGRANTE