Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate,

la stronza gine del popolo Taliano ca io ci sofre tanto si abbisto puro al Festi Vallo di sarremo ca un prisintatore alli terato coma Pippi Impauto si redotto affare il zeze co tuti guanti ca li tocavano lepalle ecchesto ala tilivisiona nunsif.

Al mio penziere nun sapeti f rire ala gente e alora penzati ca dicenno una cativa parola oppura mente facendo cole mane una schifezza il popolo sarrapa e rire.

Songo due cose tuto diverso larrapa mento e la risata. Cuanno il cristiano sarrapa succede ca sinfoca la capa e isso eccazzo di salire il sangue nele vene e face casa micciola. Cuanno il cristiano addaf rire ala gente si deve presentare tuto contento alimmacara cutulienno la capa effare il uappo signore co il bastungino immano. E si si rappresenta cula paglietta la gente sulo pecchesso rire.

Pippi Impauto non teneva la paglietta e nun faceva rire e quela dona di facile costumo di Sabbrina Ferilla pecch ci messo le manell?

Io mavesse piaciuto di mette lemanell a essa. E alora saria stata una vera festa ca in questo popolo di rechioni amm ca stongo nanzi ala tilivisiona chesta suddi sfazione mi stata necata. E mavessa sta cu Pippi Impauto ca essa ci tocato mieze eccosse ca tutalpi ce pote sta nu lucigno. Al popolo Taliano piacesse invece di vedene chettene mieze eccosse essa ca mi pare na figliola ca tene la devozione.

Ma tu dici ca accuss adda e alora tenitevi a Pippi Impauto enn vi meravigliati si iesce tuto un popolo di debbo sciati ca al solo penziere mi addimanno perchene la Germania nunci riusc di abbruciare tuta quanda la mia cara Italia ca sulo accuss avesse addeventata un popolo serio enn quela maniata estrunzi ca vaceno facenno sulo sciopero eccorteo ca quanno aviti fame vi magnati sciopero eccorteo.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

LEMIGRANTE