In primo piano - 'Dipende da te 2.0': evento sulla legalità al Teatro Massimo

'Dipende da te 2.0': evento sulla legalità al Teatro Massimo In primo piano

Dipende da te 2.0 e' il progetto ideato dal gruppo spontaneo 'La Rivoluzione Gentile', ovvero Mariapia Ciani, Grazia Maria Pepe, Emanuele Troisi e Martina D'Aronzo, finalizzato alla diffusone ed alla diffusione ed alla condivisione della cultura della correttezza e dell'onestà, intendendo per legalità 'educare alla bellezza', ispirandosi a quanto sosteneva Peppino Impastato 'bisogna educare la gente alla bellezza, a riconoscerla, a difenderla'.

Arrivato alla sua seconda edizione, rispetto allo scorso anno scolastico, il progetto ha riscontrato un numero notevole di adesioni; evidentemente il buon successo della prima edizione e la realizzazione della videoteca virtuale sono stati gli ingredienti che hanno conferito credibilità e spessore alla proposta, che docenti e studenti hanno accolto positivamente.

'La Rivoluzione Gentile' ha utilizzato l'arte cinematografica, attraverso la selezione accurata di film attinenti a tematiche quali: la criminalità organizzata, il bullismo, il cyberbullismo, il terrorismo degli anni '70, il giornalismo d'inchiesta, al fine di favorire apprendimenti informali e non formali per contribuire allo sviluppo ed alla formazione della coscienza critica delle nuove generazioni.

Il sito www.rivoluzionegentile.org, oltre alla videoteca virtuale, contiene tutti i materiali utili ai docenti per lo sviluppo del progetto in classe, lasciando loro la libertà di organizzarlo e gestirlo in modo autonomo.

'La Rivoluzione Gentile' crede, fermamente, che i reali protagonisti del progetto 'Dipende da te 2.0' siano le alunne e gli alunni, le studentesse e gli studenti che, dallo scorso dicembre, stanno visionando i film proposti e dibattendo in classe con i docenti sui temi cardine delle varie pellicole. Pertanto è doveroso consentire ai ragazzi di concludere il percorso effettuato, confrontandosi all'interno di un dibattito con relatori che possano rispondere alle loro domande, discutere delle loro perplessità, restituire loro coraggio, forza e speranza.

Il Convegno di chiusura è, dunque, la parte più importante per i ragazzi, ed esclusivamente a loro dedicata.

Il prossimo 2 maggio, presso il Teatro Massimo alle ore 9.00 gli alunni e le alunne degli Istituti Comprensivi: 'G.Moscati' e 'B.Lucarelli' di Benevento, 'Rita Levi Montalcini' di San Giorgio del Sannio, 'S@amnium' di Pontelandolfo, San Marco dei Cavoti, Sant'Agata de Goti 2; le studentesse e gli studenti dell'Istituto di Istruzione Superiore 'Alberti' di Benevento, Istituto di Istruzione Superiore 'Carafa-Giustiniani' Cerreto Sannita - San salvatore Telesino, Istituto di Istruzione Superiore di Castelvenere e Foiano, incontreranno don Luigi Ciotti e Tina Martinez Montinaro, quest'ultima per la seconda volta a Benevento.

Dopo la sigla iniziale, il sindaco Fausto Pepe saluterà gli ospiti ed i ragazzi presenti, seguirà l'intervento dell'assessore alla Cultura Raffaele Del Vecchio che ha mantenuto la promessa fatta lo scorso 8 maggio (durante il convegno di chiusura della prima edizione del progetto 'Dipende da te'), per Assogevi ONLUS Vicenza Rosselle Menegato e Lucio Zaltron racconteranno le origini del progetto che Mariapia Ciani propose nel Comune di Vicenza dal 2008 al 2011.

Dopo la visione degli elaborati prodotti dalle scuole, inizierà il confronto con don Luigi Ciotti, fondatore dell'Associazione 'Libera contro le mafie' e Tina Martinez Montinaro, che con la città di Benevento vuole realizzare un rapporto costruttivo e continuativo.

L'adesione al progetto non ha comportato costi a carico delle scuole, che hanno provveduto solo al trasporto presso il Teatro Massimo di Benevento.

L'appuntamento del prossimo 2 maggio è stato finanziato dal Comune di Benevento, il progetto è stato veicolato dall'Ufficio Scolastico Provinciale.

Hanno aderito e sostenuto l'iniziativa anche Confindustria Benevento e la Mangimi Liverini SPA, che ne hanno fortemente condiviso le finalità a sostegno e tutela della legalità.

Altre immagini