04/02/2015

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

chi ce lera dice ca un domani asceva nata vota la Dimo Grazzia Crestiana.

Pare una ternità ca tuti guanti si ievano nascunnenno e cè stata gente ca nun durmeva la notte perchene si diceva ca assendo ca erano tuti guanti mariuoli prima o opoi avrebbero stato à restato tuti guanti. Nun tanto pela forza dela legge ca certe vote nun cela face ma propetamente perchene ce steveno certi pigliangulo ca menavano la zizzania perchene cuanno ce stace la uerra è uerra pe tutti.

E immece uno ca nunnera cagnato e mango si pote dice ca serano fatti i capilli ianghi perchene sembre ianghi lera tenuto è asciuta adinta a luovo e Pasqua e ave addeventato prisidento dela Ripubblica.

E chesto ammè mi face tanto piacere perchene io ci avesse visto tanto bene a quel posto al prisidento Fino e cera creduto e cera fatto un penziere cuanno succedette chillu burdello ca una donna infernale selo zucavo coma una pastanaca e nun ci rimaneva che aspettare perchene al Qui Rinale ceraì afforza un cumunisto. E tutto era pronto ma il prisidento Renzo ca nunnè nu strunzo ce lave misso a chillu servizio accomingiando da Talemo eppò a Veltrono eppò ce lera fatto quasi crede puro ala Fenochiara ma era arrivato come furmino acciel sereno quasimente un arcangelo gabbrielo cola spata sguianata condicendo Fermi tuti qua ci stace qualche pezza vechia di Dimo Grazzia Crestiana e questa ci faciamo bantiera bianca onor di capitano.

E accussì funghette. Iettero a chiamare a lonorevole Mattarello la quale mango ce vuleva crede e adderitura era asciuto pe dinto Roma cò una Panda griggia ca mango le suore dela Sagra Famiglia e ci dovettere dice Onorevole arretirati ca ti deve venire a trovare una rappresentanza ca ti deva fare una imbasciata.

E accussì funghette.

Isso rireva come a dire Sine laggiu visto inta la tili visiona ma a ammè nisciuno mave ditto nienti.

Inzomma Mattarello è tornato e i cumunisti si sentono di fotere. Questo è il sentimento ca più mi addegreggia.

E si fotte puro Fino, accussì simbara ca sulamente uno dela Dimo Grazzia Crestiana pote puro murì ma risuscita sicuro.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."