01/07/2016

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante2_rs.jpg

Carissimo cainate,

la perfita Albiona ciave sembre raggione Isso il Duce Musellino laquale abiamo sembre combatuto inbace e inguerra perchene loro vulevanono da' sembre le carte perchene nun vulevano perde sia imbace e sia inguerra.

Sicura mente la gioventù certe cose nule capisce perchene nule sape ecchì ce le dovesse imbarare uarda dalatra parte cuanno inta la scola si faceno i proggetti di pace e di accolienza delo straniero.

Si voleti sapere la verità perchene la perfita Albiona è addeventata sembre chiu perfita siè ca cuanno teneva limbero si credette ca portanno i necri e i maometani ingasa queli addeventavano ingreso coma ala reggina. E' succieso immece ca si songo imbastarduti loro emmò se lanno pigliato ingulo.

La dimo grazia è una bella cosa cuanno ce stace uno coma Isso il Duce Musellino ca cumanna e acchì vatte e acchì prumette ennò coma chillo ca veneva sembre cò lombrello puro cuanno si sape ca ala mia cara Italia ce stace sembre il sole. Lingreso cu lombrello si chiamava Ciamberlei embè se ne veneva addire ca la mia cara Italia serastà cuieta perchene la perfita Albione vengeva la uerra ecci faceva la regalia di darci la Libbia ca già era nostra.

Alora Isso il Duce Musellino ci addimannavo Matù prima efà ustrunzo che mestieri facivi e alora funghette una uerra ca sembre il soldato Taliano si ave fatto onore imbace e in guerra ma funghettero tratimenti ca non saccio chiè stato fato sta ca ai cari armadi Taliano in Libbia ciarrivava latte di benzina co laqua dinto.

Per questo prece dento il prisidento Renzo ciavessa dice ala Germania propetamente accussì Chisto è il mumento di farci cacare le torze ala perfita Albione Tu Germania ca stai chiu vicina attacca ca io Italia ti uardo ale spalle. E accussì vengessimo finalmente una uerra.

Ma vidi tu la mala sorta cuannè sabbato si ioca la partita di pallone Germania Italia e non potiamo parte pela uerra. Come diceva la canzona Aspetta e spera Bella Bissina e puro stavota cè ghiuta storta.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tui di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."