11/11/2016

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante7_rs.jpg

Carissimo cainate,

abiamo stato educati tutti guanti ala religgione catolica condicente tre patrennostro e tre avemmaria pè ogni pecato di penziere ommissione e opera. E ci dicevano puramente ca tuti i pecati de lumanità succedeva ca il Pata Termo sincazzava e mannava sula terra tarramoti, luvioni e pestilenze.

Nisciuno sera mai ribbellato condicente Oi Patatè ma perchene io mavessa tene le punizzione catù manni annome di chilli fetienti ca nun teneno rispetto e perchene ciavessa io cacare le torze? Uno cheste cose le penzava puro mapò si arendeva e diceva Sia fatta la vuluntà di Dio.

Mò è asciuta la moda che mango il Pata Terno è patrone di cumannà ma puro isso savessa sente co il Parlamento capò teli raccumanno si fossero tuti eletti dal Paratiso ca là ci anno iuti sulo uomeni e femene ca si batono il petto e avasciano luocchi. Un vero parlamento agli ordini del Pata Terno dovesse essere propetamente Linferno perchè lane ci stanne i meglio dilinguenti ca putessero spiecare nomi e cognomi di queli ca savessero colpire sula facia dela terra.

Oppuramente il parlamento celeste putessero essere l'angiulilli ma chilli soneno le trombette e nun parlano. Che dici ca si potesse consigliare cu la Madonna? Ma chella chi sa quante bucie ce dicesse al Pata Terno perchene essa è rifuggio in peccatorem.

Inzomma mi convingo ca il povero Papa Terno stace isolato e nunnave cucchì cunsigliarsi anche perchene al mio penziere nunnè ca Isso tene tiempo per sentire a Radio Maria laquale dice sulo rusari e chela vota ca un predicatore ave ditto ca il Pa Tareno era fatto buono a scartenare il tarramoto  cianno levato lncarico emmò forse chillo addiventa prutestante capò puro il Papa era iuto ala Germania condicente ca abiamo pazziato ma puro i protestanti siamo tuti fratelli. Come addire che i cappuccini songo coma ai moneci dela Madonna Arazia oppuramente queli di Montevergine si poteno ammiscare co i monaci dela Uardia Sguizzera.

Io mi tengo i miei pecati e si il tempo trona e lampeia nunnaggio paura di confesare ca al panziere di antare alinferno mi caco sotto e prumetto di essere sembre fedele ma sulamente si una saetta nun mi coglie coma addire da domani spero di non far più pecato. Ma il passato me lo aveti perdonato?

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."